fbpx

9:00-13:00 / 15:30-19:30

Lun-Ven / Sab 9:00-13:00

Viale Ippocrate 28

00161 Roma (RM)

+39 06 693 655 67

info@immobiliarecalzini.it

Confronta gli annunci

Come rendere appetibile la casa per attirare gli acquirenti

Come rendere appetibile la casa per attirare gli acquirenti

Può anche darsi che abiti in un prestigioso palazzo storico o in una zona particolarmente ambita e curata della tua città ma, quando i potenziali acquirenti o affittuari della tua casa vengono in visita, devono restare piacevolmente colpiti da quello che vedono all’interno, fino al punto da ricordarla meglio di tutte le altre e nonostante ne abbiano già valutate parecchie. Mai come in questo caso, l’abito fa il monaco. Un appartamento mal presentato può scoraggiare i possibili compratori che stanno cercando soluzioni abitative già pronte, che non richiedono l’intervento di tecnici, operai o artigiani di qualunque tipo. La casa deve essere classificata come bella così com’è e non “bella dopo un po’ di lavori”. Se il tuo appartamento è piaciuto ma richiede manutenzione e ristrutturazione, tra l’altro, puoi stare certo che verrà richiesto un abbassamento del prezzo, a causa delle spese a cui si dovrà far fronte per le migliorie. C’è poi qualcosa che ti riguarda molto più da vicino: sono gli sguardi implacabili di questi gruppi di estranei che si aggirano per l’appartamento facendo foto alla tavola, nella quale hai magari lasciato i resti del pranzo, alla camera da letto con le lenzuola scombinate, al salotto presidiato dai giochi di tuo figlio a tutte le ore. Questa è, in fondo, una temporanea violazione della tua intimità ed è un ottimo secondo motivo per darne una buona immagine.Certo, lo sappiamo: probabilmente non hai il budget necessario per lavori strutturali significativi, altrimenti ci avresti già pensato prima.Tuttavia anche con piccoli investimenti (più di tempo che di denaro) puoi risolvere quel caos che hai dentro casa. Si tratta di fare un po’ di manutenzione, di ordine e di pulizia che richiedono solo buona volontà.Inizia dagli spazi esterni, se ne hai: la prima impressione conta moltissimo e il visitatore deve sentirsi a suo agio mentre percorre la strada fino alla porta di casa e ammira la facciata esterna. Hai lasciato in giardino materiali di costruzione per lavori eseguiti? Falli portare via e libera lo spazio. Il vialetto o il portico sono invasi dalle foglie e dal terriccio che si accumula negli angoli? Vai di ramazza. E ancora puoi: cambiare il vecchio zerbino con uno nuovo, potare le siepi, rinnovare le aiuole o allestirne di tutto principio, lavare la cuccia del cane.Tingere le pareti è sempre un’ottima idea e un consiglio tipico da parte dell’agente immobiliare. Qualcuno potrebbe non averne il tempo, siamo d’accordo, ma diversamente cogli l’opportunità di presentare una casa splendente e immacolata, che sa di nuovo. Il costo è, infatti, veramente accessibile e se puoi risparmiare sulla manodopera, irrisorio. Vale lo stesso per le ringhiere dei balconi e le persiane scrostate.Se l’appartamento è in abbandono può darsi che siano richiesti lavoretti di manutenzione: i potenziali acquirenti non devono essere delusi da stanze non apprezzabili per mancanza dell’illuminazione necessaria né distratti dal ticchettare di rubinetti che gocciolano. Sostituisci le lampadine fulminate, chiama un idraulico che risolva il problema con poco. Se gli infissi chiudono male corri ai ripari prima che parta il carosello delle visite: c’è sempre qualcuno che sta lì a saggiare la perfetta tenuta di porte e finestre, aprendole e chiudendole con fare indagatore.L’illuminazione degli ambienti più bui può essere migliorata: monta lampadine più potenti, apri tutte le serrande e scosta le tende, specie se di colori scuri. Se pensi che l’ambiente vada acceso e reso più appetibile alla vista acquista dei cuscini colorati (o soltanto federe nuove) e molte piante, da collocare strategicamente nelle zone poco attraenti. Anche se quella per ora è casa tua, l’acquirente deve poterla concepire come propria. Probabilmente avrà del mobilio da portare con sé (anche lui è qualcuno che lascia una casa) e non può collocarlo mentalmente in un ambiente disordinato, con troppi mobili. Elimina quindi i più ingombranti o spostali secondo quello che ti sembrerà il modo migliore per lasciare libero spazio alla sua immaginazione.E poi c’è la pulizia. I tappeti vanno smacchiati se necessario, le piastrelle dei bagni e della cucina tirate a lucido, i rubinetti liberati dal calcare e dalle macchie. I cattivi odori degli animali vanno eliminati con olio di gomito e stazioni profuma ambiente (anche naturali: per esempio potresti riempire una ciotola di vetro con fiori di lavanda da acquistare in erboristeria).Basta veramente poco per far fare al tuo appartamento un figurone e aumentare sensibilmente le chance di vendita o affitto, non credi anche tu?

img

Luigi Calzini

Post correlati

Piccole riparazioni da fare prima di mettere in vendita la casa

Uno degli errori commessi dai “venditori alle prime armi” (ovvero dai proprietari di immobili...

Continua a leggere
di Luigi Calzini

3 alternative per chi ama le piante ma non ha il pollice verde

Magari ci avete provato e riprovato ma curarvi di una o più piante da appartamento è per voi...

Continua a leggere
di Luigi Calzini

Come ricavare una zona lavanderia dove non c’è

Quando i potenziali acquirenti visitano il vostro immobile non notano soltanto la metratura, la...

Continua a leggere
di Luigi Calzini