fbpx

9:00-13:00 / 15:30-19:30

Lun-Ven / Sab 9:00-13:00

Viale Ippocrate 28

00161 Roma (RM)

+39 06 693 655 67

info@immobiliarecalzini.it

Confronta gli annunci

La riqualificazione degli edifici di classe F e G non è mai stata più conveniente

La riqualificazione degli edifici di classe F e G non è mai stata più conveniente
Com’è noto gli immobili possono essere iscritti in 10 diverse classi di consumo energetico: si va dai 0,40 kw/h per una classe A4 agli oltre 350 kw/h per la G. Se la vostra proprietà è insomma di classe A+, A o B avete evidentemente già realizzato interventi significativi e vi godete un immobile a basso o nullo impatto ambientale. La classe energetica C è ancora in linea con la normativa, ma se si tratta di classi da D alla G il consumo energetico è eccessivo ed è necessario procedere ad una riqualificazione.
Secondo uno studio recente un bilocale di 65 mq di classe A costa il 29,18% in più a Firenze e il 21,6% in più a Roma. Si tratta soltanto di esempi ma aumenti di prezzo similari valgono per qualunque altra grande o piccola città italiana.
Quando un potenziale acquirente del vostro immobile legge nell’annuncio la dicitura: “Classe energetica F” sarà parzialmente in disappunto, anche se la casa lo aveva colpito sotto gli altri punti di vista, anche se la descrizione dell’immobile è esauriente e soddisfa le sue necessità ed anche se le fotografie rappresentano ambienti curati e spaziosi.
Il tema della sostenibilità ambientale è infatti sempre più coinvolgente, in particolare per un target costituito dalle nuove generazioni. Una casa efficiente significa poi anche una minor spesa per l’energia e quindi costi in bolletta più contenuti.
La riqualificazione energetica preliminare alla vendita è quindi una mossa strategica vincente per ottenere dalla vendita del vostro immobile molto più di quel che speravate!
D’altra parte in questo momento il clima non potrebbe essere più favorevole alle riqualificazioni: grazie al Superbonus al 110% potete usufruire anche della cessione in fattura pari al 110% senza che siano richiesti anticipi.
L’incentivo fiscale è quindi un’opportunità per tutti: per il Pianeta, per i proprietari di immobili vetusti e per gli acquirenti, che non si lasceranno scappare l’occasione di diventare proprietari di una casa già ammodernata e conveniente sotto ogni aspetto.
Nel rispetto delle condizioni previste dalla normativa il Superbonus al 110% spetta per gli interventi eseguiti su:
  • parti comuni di edifici;
  • unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno, situate all’interno di edifici plurifamiliari;
  • singole unità immobiliari.
Un primo intervento trainante è quello di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali (coperture, pavimenti) e inclinate delimitanti il volume riscaldato, verso l’esterno, che interessano l’involucro dell’edificio, con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.
Per le parti comuni degli edifici e gli edifici unifamiliari o le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari si può procedere alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento (nel caso in cui si installino pompe di calore reversibili) e/o per la fornitura di acqua calda sanitaria.
Potete inoltre godere del beneficio fiscale anche su altri tipi di lavorazioni, purché queste siano realizzate insieme agli interventi trainanti di cui abbiamo appena parlato:
  • interventi che garantiscano il miglioramento di almeno due classi energetiche (dimostrato dall’attestato di prestazione energetica (A.P.E.), o, nel caso in cui non fosse possibile, il conseguimento della classe energetica più alta;
  • installazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica sugli edifici e di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati, contestuale o successiva all’istallazione degli impianti medesimi;
  • installazione delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici.
Vi sono poi le detrazioni per gli interventi antisismici, anch’esse comprese nel Superbonus, e un nutrito gruppo di detrazioni fiscali diverse per tutti quei lavori da eseguirsi in maniera disgiunta rispetto agli interventi trainanti.
Se volete sapere quanto la riqualificazione energetica favorita dal Superbonus al 110% o dagli altri incentivi aumenterà il valore del vostro immobile chiedeteci una consulenza gratuita!
img

Luigi Calzini

Post correlati

Piccole riparazioni da fare prima di mettere in vendita la casa

Uno degli errori commessi dai “venditori alle prime armi” (ovvero dai proprietari di immobili...

Continua a leggere
di Luigi Calzini

3 alternative per chi ama le piante ma non ha il pollice verde

Magari ci avete provato e riprovato ma curarvi di una o più piante da appartamento è per voi...

Continua a leggere
di Luigi Calzini

Come ricavare una zona lavanderia dove non c’è

Quando i potenziali acquirenti visitano il vostro immobile non notano soltanto la metratura, la...

Continua a leggere
di Luigi Calzini